Menu
Home » Blog » Il Running Retraining nel Crossfit: il nuovo metodo di gestione degli infortuni nella corsa

Il Running Retraining nel Crossfit: il nuovo metodo di gestione degli infortuni nella corsa

19 Marzo 2019
Ilio IannoneIlio Iannone

Condividi


Dalle migliori evidenze scientifiche emergono nuovi metodi di cura e trattamento degli infortuni nella corsa: scopriamo il Running Retraining nel Crossfit!

 

Nel campo degli infortuni nella corsa, il Running Retraining (ossia il “coaching” per cambiare la tecnica) è un trattamento emergente sia nella ricerca che nella pratica clinica.

Ho deciso di affrontare questo argomento e di portarlo a conoscenza nel mondo del crossfit in quanto negli ultimi anni sono in aumento i wod con all’interno chilometri di corsa da macinare.

Non a caso, anche nel mondo del crossfit stanno nascendo i primi workshop dedicati al running.

Ho avuto modo di affrontare personalmente il tema degli infortuni nel Running partecipando al corso “Running injuries – Classificazione, prevenzione e trattamento” tenuto dal Dr. Samuele Graffiedi: un’esperienza formativa importante che desidero far conoscere al mondo del Crossfit.

infortuni-crossfit-running_ilio-iannone_samuele-graffiedi

Con Samuele Graffiedi – Specialista in valutazione e trattamento degli infortuni nel running

Gli infortuni maggiormente riscontrati sono:

  • il dolore femoro-rotuleo
  • la fascite plantare
  • la perisostite tibiale
  • la tendinopatia achillea

e spesso gli interventi classici sono mirati soltanto alla correzione dell’appoggio plantare, attraverso l’uso di plantari o di calzature antipronazione.

LEGGI ANCHE: “IL RECUPERO POST INFORTUNIO: UN SISTEMA COMPLESSO E NON LINEARE”

 

Il Gait Retraining: come ridurre il carico e il dolore

Ci sono evidenze scientifiche che dimostrano come attraverso la modifica di alcuni parametri della corsa è possibile ridurre il carico su alcune articolazioni e muscoli e, di conseguenza, ridurre il dolore.

Abbiamo bisogno, quindi, di osservare l’atleta correre su un tapis roulant riprendendolo con uno smartphone che ci aiuterà ad analizzare, a velocità ridotta, il suo modo di correre.

infortuni-crossfit-running_ilio-iannone

Vediamo alcuni esempi di parametri da osservare.

 

La cadenza dell’atleta

Il tapis roulant che utilizzo è un myrun della Tecnogym il quale mi indica la cadenza dell’atleta (numero di passi al minuto): un parametro fondamentale associato a diversi infortuni degli arti inferiori.

Nel caso di un dolore femoro-rotuleo, aumentare la cadenza del 5-10% diminuisce il carico sull’articolazione del 15-20% attraverso una riduzione della flessione del ginocchio e della lunghezza del passo durante la corsa.

Nel caso di una tendinopatia achillea, un aumento della cadenza del 5% contribuisce alla riduzione del dolore.

 

L’appoggio plantare dell’atleta

Un altro parametro su cui è possibile intervenire è attraverso la modifica dell’appoggio plantare durante la corsa.

Ad esempio, il passaggio da un appoggio di tallone all’avampiede riduce la forza richiesta a muscoli come il piccolo e medio-gluteo, hamstring, oppure diminuisce l’adduzione e la rotazione interna.

L’indicazione che viene data al paziente per modificare l’appoggio è quella di correre sul tapis roulant scalzo: si è visto, infatti, come in questa condizione molti atleti modificano il loro appoggio passando dal retropiede all’avampiede.

 

Conclusioni

Lo scopo di questo articolo è soltanto quello di descrivere in maniera generale alcuni tipi di strategie che possono essere utilizzate nella gestione degli infortuni nella corsa.

In uno dei prossimi articoli descriverò in maniera specifica gli interventi su alcuni tipi di patologie descritte in questo articolo.

 

References

  1. Running retraining to treat lower limb injuries: a mixed-methods study of current evidence synthesised with expert opinion, Barton et al.
  2. An Evidence-Based Videotaped Running Biomechanics Analysis, Souza et al.

Condividi



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie, nel rispetto della tua privacy e dei tuoi dati. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi