Menu
Home » Blog » Ecco perché il CrossFit NON è uno sport pericoloso

Ecco perché il CrossFit NON è uno sport pericoloso

22 Settembre 2018
Ilio IannoneIlio Iannone

Condividi


Con l’esplosione dei BOX di CrossFit in tutta Italia, si è anche diffusa l’opinione secondo la quale questo sport sarebbe pericoloso per le persone, causando dolori e infortuni anziché apportare reali benefici a coloro che lo praticano. Ma è davvero così?

 

Negli ultimi anni anche in Italia abbiamo assistito ad un rapido aumento delle persone che si avvicinano al CrossFit, contemporaneamente ad una sua demonizzazione da parte di alcuni professionisti sanitari o personal trainer che non conoscono tale disciplina.

Chi prova ad avvicinarsi per la prima volta ad un box lo fa in maniera timorosa ed al primo dolore smette di allenarsi.

Spesso è colpa anche dei Social che emettono sentenze attraverso articoletti senza referenze scientifiche, Vi riporto alcuni titoli trovati sul web:

  • Il crossfit è pericoloso? I dubbi sullo sport di Belen
  • Il lato occulto del Crossfit
  • Il crossfit è pericoloso? Parola al fisiatra…
  • Il Crossfit è utile o pericoloso?

 

Epidemiologia e fattori di rischio del CrossFit

Come in tutti gli sport, anche nel Crossfit si verificano infortuni che spesso sono dovuti alla preparazione discutibile proprio degli operatori, che con un corso di qualche giorno acquisiscono i livelli per poter insegnare.

Il mio non vuole essere un articolo PRO CROSSFIT ma c’è la tendenza a pensare che sport come il running o il tennis siano più “sicuri” mentre gli sport di forza con l’utilizzo di sovraccarichi siano più pericolosi.

E se vi dicessi che gli studi dimostrano esattamente il contrario?
E che il tasso di infortuni sia maggiore nella corsa o nel calcio?

 

Come misuriamo il rischio di infortunio nel CrossFit?

Nel CrossFit, come in ogni altro sport, possiamo misurare il rischio di infortuni calcolando il numero degli stessi per 1000 ore di allenamento (c.d. Tasso di infortuni).

La tabella in basso riassume brevemente il tasso di infortuni in diverse discipline sportive. Per quanto riguarda il CrossFit i due principali studi pubblicati sono quelli di Giordano (2014) e Hak (2013).

crossfit-pericoloso-tasso-infortuni

Nello studio di Giordano il tasso di infortuni è poco al di sotto di sport come il nuoto oppure della camminata considerati da sempre “sicuri”: sia Giordano che Hak arrivano alla conclusione che il tasso di infortuni nel Crossfit è nettamente inferiore a quello di tennis e calcio.

crossfit-pericoloso-rischio-infortuni

Se sei curioso dei parametri esatti di ciascuno di questi studi, clicca qui per l’approfondimento.

 

Qual è la causa principale di infortuni nel CrossFit?

Tra le cause che spesso vengono attribuite al rischio di infortuni c’è la postura oppure la ridotta mobilità (ho affrontato l’argomento qui), la letteratura scientifica tuttavia ci dice che le cose non stanno esattamente così.

Il Dr Tim Gabbett nelle sue ricerche ha scoperto che il volume di allenamento e la gestione del carico sono i fattori più importanti in termini di prevenzione degli infortuni (ho affrontato l’argomento qui).

Il problema principale che si verifica in gran parte dei box di CrossFit, come sottolineato in precedenza, è che il controllo del carico di allenamento si basa spesso sul background scientifico del coach: un approccio integrato basato sull’evidenza per la gestione del carico di allenamento potrebbe quindi contribuire alla diminuzione degli infortuni.

 

References

1. Hak PT, Hodzovic E, Hickey B. The nature and prevalence of injury during CrossFit training. J Strength Cond Res. 2013
2. Sprey JWC, Ferreira T, de Lima MV, Duarte A, Jorge PB, Santili C. An epidemiological profile of crossfit athletes in Brazil. Orthop J Sport Med. 2016

3. Summitt RJ, Cotton RA, Kays AC, Slaven EJ. Shoulder injuries in individuals who participate in CrossFit training. Sports Health. 2016
4. Weisenthal BM, Beck CA, Maloney MD, DeHaven KE, Giordano BD. Injury rate and patterns among CrossFit athletes. Orthop J Sport Med. 2014
5. Friedman MV, Stensby JD, Hillen TJ, Demertzis JL, Keener JD. Traumatic tear of the latissimus dorsi myotendinous junction: case report of a CrossFit-related injury. Sport Heal. 2015
6. Joondeph SA, Joondeph BC. Retinal detachment due to CrossFit training injury. Case Rep Ophthalmol Med. 2013
7. Fisker FY, Kildegaard S, Thygesen M, Grosen K, Pfeiffer-Jensen M. Acute tendon changes in intense CrossFit workout: an observational cohort study. Scand J Med Sci Sports. 2016
8. Bergeron MF, Nindl BC, Deuster PA, Baumgartner N, Kane SF, Kraemer WJ, et al. Consortium for Health and Military Performance and American College of Sports Medicine consensus paper on extreme conditioning programs in military personnel. Curr Sports Med Rep. 2011
9. Zernicke RF, Whiting WC. Mechanisms of musculoskeletal injury. In: Zatsiorsky VM, editor. Biomechanics in Sport. Oxford: Blackwell Science Ltd; 2000
10. Moran S, Booker H.,StainesJ, et al. Rates and risk factors of injuries in CrossfiTM: a prospective cohort study 2017
11. Hak et al. The nature and prevalence of injury during Crossfit training
12. Van Mechelen, Running Injuries. A review of the epidemiological literature
14. Prevalence and Incidence Rates Are Not the Same
Response Giordano et al

Condividi



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie, nel rispetto della tua privacy e dei tuoi dati. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi