Menu
Home » Blog » Come utilizzare il buffer in riabilitazione

Come utilizzare il buffer in riabilitazione

05 Giugno 2020
Ilio IannoneIlio Iannone

Condividi


Come gestire infortuni e stati dolorosi dei nostri pazienti senza metterli a riposo? Riduzione dell’intensità e utilizzo del Buffer risultano essere ottimi metodi: ecco perché!

 

Molte volte abbiamo la necessità di ridurre temporaneamente il carico su una zona dolorosa, senza mettere a riposo l’atleta.

Ad esempio, nel caso di un runner con dolore femoro-rotuleo si è visto come l’aumento della cadenza del 5-10% riduce il carico sull’articolazione del 15-20% (ne ho parlato nel mio articolo “Il Running Retraining nel Crossfit: il nuovo metodo di gestione degli infortuni nella corsa” ).

Allo stesso modo, nell’allenamento di forza possiamo spostare il carico dal ginocchio all’anca modificando l’esercizio: da squat high bar a squat low bar (knee dominant – Hip dominant).

Per alcuni sport non è sempre semplice modificare l’esercizio o il ROM soprattutto se l’atleta si trova in prossimità di una gara: eseguire uno snatch senza squat (power snatch) significherebbe ridurre anche di molto il carico sul bilanciere.

 

COS’È IL BUFFER

Un altro modo per diminuire il carico è attraverso la riduzione dell’intensità e, per non farlo in maniera sommaria, possiamo programmare delle serie con buffer.

“Il buffer è la differenza tra le ripetizioni che un atleta potrebbe eseguire ad esaurimento a una determinata intensità e quella effettivamente eseguita.”

È un metodo semplicissimo che si utilizza nell’allenamento della forza per non eseguire tutte le serie di un determinato esercizio a cedimento, simile al RIR (Ripetizioni in riserva).

Leggi anche: “Come impostare un Programma di Progressione del carico di lavoro su pazienti con dolore

 

COME FUNZIONA IL BUFFER?

Esistono due modi differenti per calcolarlo:

1) Differenza tra le REP eseguite ad esaurimento a una determinata intensità e quelle effettivamente eseguite. ESEMPIO: al 90% si possono seguire a cedimento 3rep, se ne faccio 2 c’è un buffer 1.

buffer-in-riabilitazione-differenza-rep

Fig. 1: Buffer tra le REP

 

2) Utilizzando le %: la differenza in % tra l’intensità del numero di rep eseguite e l’intensità a cui dovrebbero essere eseguite. ESEMPIO: 3REP al 75% equivalgono a un buffer del 15% perché 3REP dovrebbero essere eseguite al 90%, 3REP all’80% un buffer del 10%, ecc…

buffer-in-riabilitazione-differenza-percentuale

Fig. 2: buffer in percentuale

 

RIDUZIONE DELL’INTENSITÀ NELLE SETTIMANE UTILIZZANDO IL BUFFER: UN ESEMPIO PRATICO

Ipotizziamo ora di avere un paziente con dolore anteriore di ginocchio che si trova in un periodo in-season:

“oltre al lavoro fisioterapico è importante gestire il carico di allenamento, consigliando al nostro atleta una riduzione graduale dell’intensità.”

 

Nella figura 3 ho ipotizzato un buffer molto ampio nella prima settimana e gradualmente, in base alla risposta dolorosa del paziente, una riduzione maggiore nelle settimane successive, fino ad arrivare al 5%.

buffer-in-riabilitazione-programma-riduzione-intensita

Fig. 3: riduzione graduale dell’intensità in 3 settimane

 

Il buffer utilizzato dovrebbe essere scelto in funzione del rischio che vogliamo assumerci: buffer più ampi se l’evento sportivo non è a breve, mentre buffer più ridotti in prossimità della gara.

*

Ti è piaciuto l’articolo? Sei d’accordo nell’utilizzo del Buffer come metodo riabilitativo? Fammelo sapere nei commenti: sarò felice di ascoltare il tuo parere!

Condividi



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie, nel rispetto della tua privacy e dei tuoi dati. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi